In fila per Platone: a proposito di “Tre Infiniti”