Augustae come madri sulle monete