Favorire i consumi riduce i rischi di crisi della frutta