L’agricoltura va riorganizzata senza pregiudizi