A Ferrando Mantovani. Umanità e razionalità «nel» Diritto Penale