Da "Storia di Debora" a "Lida Mantovani": finzioni storiche, censure simboliche e strategie stilistiche