La "strana" disdetta del contratto nazionale di categoria dei metalmeccanici