Quando Zamoyski diventò Bourdelle. Witkiewicz “tradotto” da Dacia Maraini