Si potrebbe dire che nel nostro personale rapporto con la morte i ritratti, gli autoritratti e soprattutto le fotografie costituiscono i nostri monumenti privati, che si affiancano a quelli pubblici, di cui soprattutto si è parlato all’interno di questo convegno. Dicendo questo, tuttavia, non intendo suggerire una contrapposizione tra pubblico e privato, se mai una loro correlazione. Infatti, non solo le origini e le dinamiche psichiche di queste due forme di memoria sono simili, ma in qualche misura sovrapponibili. Infatti anche quelle che possono sembrare testimonianze assolutamente private, come le foto dei nostri cari o quelle di noi stessi, per adempiere alla loro funzione psicologica, hanno bisogno di incontrare lo sguardo dell’altro, trasformandosi così in qualcosa di pubblico. Ciò trova un preciso riscontro e una sorta di millenaria consacrazione nell’uso antico di porre sulla tomba il ritratto del morto. Così esposto allo sguardo di tutti, esso perde infatti parte della sua contingente singolarità e si trasforma in un piccolo monumento pubblico.

Lutto e memoria nelle dinamiche del ritratto e dell'autoritratto

FERRARI, STEFANO
2010

Abstract

Si potrebbe dire che nel nostro personale rapporto con la morte i ritratti, gli autoritratti e soprattutto le fotografie costituiscono i nostri monumenti privati, che si affiancano a quelli pubblici, di cui soprattutto si è parlato all’interno di questo convegno. Dicendo questo, tuttavia, non intendo suggerire una contrapposizione tra pubblico e privato, se mai una loro correlazione. Infatti, non solo le origini e le dinamiche psichiche di queste due forme di memoria sono simili, ma in qualche misura sovrapponibili. Infatti anche quelle che possono sembrare testimonianze assolutamente private, come le foto dei nostri cari o quelle di noi stessi, per adempiere alla loro funzione psicologica, hanno bisogno di incontrare lo sguardo dell’altro, trasformandosi così in qualcosa di pubblico. Ciò trova un preciso riscontro e una sorta di millenaria consacrazione nell’uso antico di porre sulla tomba il ritratto del morto. Così esposto allo sguardo di tutti, esso perde infatti parte della sua contingente singolarità e si trasforma in un piccolo monumento pubblico.
Monumento e memoria. Dall'antichità al contemporaneo. Atti del Convegno (Bologna, 11-13 ottobre 2006)
255
264
Stefano Ferrari
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/96458
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact