La pelle del visibile. Qualche considerazione su "Campo e Veicolo”