La procreazione medicalmente assistita tra legge, Corte costituzionale, giurisprudenza di merito e prassi medica