Il fatto che non sia possibile valutare i diversi ambiti del pensiero di Anselmo d’Aosta secondo criteri moderni di ripartizione dei saperi è un dato storiograficamente condiviso. Come ha mostrato Giulio d’Onofrio, tali criteri risultano già stabiliti in epoca medievale, almeno dalla seconda metà del xiii secolo. Nell’opera anselmiana, infatti, i procedimenti del ragionamento dialettico sono verificati dalle fondamenta dell’ordine divino del mondo, le verità teologiche legittimano l’analisi logico-linguistica dei termini con i quali esse prendono forma negli enunciati per poi definire i precetti con cui l’etica guiderà i passi del viator lungo la via della Salvezza. In questo studio ci occuperemo di tracciare uno spaccato di tale circolarità, portando alla luce la stretta relazione che lega termini appartenenti ad ambiti semantici distinti quali simplicitas, paupertas, veritas e rectitudo

Nec plus nec minus». Logica ed etica del linguaggio nel «De veritate» di Anselmo d’Aosta / Riccardo Fedriga; Roberto Limonta. - STAMPA. - (2023), pp. 229-244.

Nec plus nec minus». Logica ed etica del linguaggio nel «De veritate» di Anselmo d’Aosta

Riccardo Fedriga;Roberto Limonta
2023

Abstract

Il fatto che non sia possibile valutare i diversi ambiti del pensiero di Anselmo d’Aosta secondo criteri moderni di ripartizione dei saperi è un dato storiograficamente condiviso. Come ha mostrato Giulio d’Onofrio, tali criteri risultano già stabiliti in epoca medievale, almeno dalla seconda metà del xiii secolo. Nell’opera anselmiana, infatti, i procedimenti del ragionamento dialettico sono verificati dalle fondamenta dell’ordine divino del mondo, le verità teologiche legittimano l’analisi logico-linguistica dei termini con i quali esse prendono forma negli enunciati per poi definire i precetti con cui l’etica guiderà i passi del viator lungo la via della Salvezza. In questo studio ci occuperemo di tracciare uno spaccato di tale circolarità, portando alla luce la stretta relazione che lega termini appartenenti ad ambiti semantici distinti quali simplicitas, paupertas, veritas e rectitudo
2023
Saepe mihi cogitanti. Studi di filosofia tardo-antica, medievale e umanistica offerti a Giulio d’Onofrio
229
244
Nec plus nec minus». Logica ed etica del linguaggio nel «De veritate» di Anselmo d’Aosta / Riccardo Fedriga; Roberto Limonta. - STAMPA. - (2023), pp. 229-244.
Riccardo Fedriga; Roberto Limonta
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/960865
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact