Sul testo di Eraclito allegorista