La definizione della virtù fondamentale che identifica l'adesione dottrinale ed esistenziale dell'uomo al Dio unico e solo si precisa tramite accentuazioni che delimitano modalità negative di rapporto dell'uomo con il divino. La duplice antitesi è rappresentata da deisidaimonia e asebeia.

Fra superstizione ed empietà: la definizione intermedia di eusebeia in Filone di Alessandria

MAZZANTI, ANGELA MARIA
2010

Abstract

La definizione della virtù fondamentale che identifica l'adesione dottrinale ed esistenziale dell'uomo al Dio unico e solo si precisa tramite accentuazioni che delimitano modalità negative di rapporto dell'uomo con il divino. La duplice antitesi è rappresentata da deisidaimonia e asebeia.
A.M.Mazzanti
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/95172
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact