Vengono riportate le valutazioni tecniche ed economiche relative alla trasformazione di pollina di ovaiole stabulate in gabbia in un prodotto (fertilizzante) commerciale di qualità tramite un processo brevettato in Italia ed in Europa; i risultati relativi agli effetti di igienizzazione e di conformità alle normative sui fertilizzanti sono riportati in lavori paralleli. Scopo del progetto è rendere la pollina una fonte di guadagno per l’allevatore ed una fonte di risparmio per l’agricoltore (utilizzatore finale). I sottoprodotti sono trasformati in prodotti commerciali direttamente presso l’allevamento (on farm), mediante sistemi semplificati che assicurano l’igienizzazione; per contenere i costi, tutte le operazioni non necessarie sono minimizzate, ad es. non si prevede la pellettizzazione e in alcuni casi neanche il confezionamento. Il VAN (valore attuale netto) è il metodo utilizzato per le valutare la convenienza economica per l’allevatore , che può essere anche il produttore del fertilizzante. Sono analizzati due step: i) la vendita della pollina allo stato sfuso (alla rinfusa) ii) la vendita anche del prodotto confezionato in big bag. In entrambi i casi sono state esaminate le soluzioni distributive B2C (vendita diretta al consumatore) e B2B (vendita attraverso distributore). Nel caso di vendita di pollina allo stato sfuso, i VAN in entrambi i casi (B2C e B2B) sono positivi, pertanto il progetto può essere considerato conveniente conveniente per l’allevamento. Nel secondo si registrano VAN positivi, ma di importo molto limitato.

Tecnologia biologica per il trattamento di pollina di ovaiole (Brev. Europeo EP 1314710 A1): valutazione economica della produzione in situ del fertilizzante

BONOLI, ALESSANDRA;POGLAYEN, GIOVANNI
2010

Abstract

Vengono riportate le valutazioni tecniche ed economiche relative alla trasformazione di pollina di ovaiole stabulate in gabbia in un prodotto (fertilizzante) commerciale di qualità tramite un processo brevettato in Italia ed in Europa; i risultati relativi agli effetti di igienizzazione e di conformità alle normative sui fertilizzanti sono riportati in lavori paralleli. Scopo del progetto è rendere la pollina una fonte di guadagno per l’allevatore ed una fonte di risparmio per l’agricoltore (utilizzatore finale). I sottoprodotti sono trasformati in prodotti commerciali direttamente presso l’allevamento (on farm), mediante sistemi semplificati che assicurano l’igienizzazione; per contenere i costi, tutte le operazioni non necessarie sono minimizzate, ad es. non si prevede la pellettizzazione e in alcuni casi neanche il confezionamento. Il VAN (valore attuale netto) è il metodo utilizzato per le valutare la convenienza economica per l’allevatore , che può essere anche il produttore del fertilizzante. Sono analizzati due step: i) la vendita della pollina allo stato sfuso (alla rinfusa) ii) la vendita anche del prodotto confezionato in big bag. In entrambi i casi sono state esaminate le soluzioni distributive B2C (vendita diretta al consumatore) e B2B (vendita attraverso distributore). Nel caso di vendita di pollina allo stato sfuso, i VAN in entrambi i casi (B2C e B2B) sono positivi, pertanto il progetto può essere considerato conveniente conveniente per l’allevamento. Nel secondo si registrano VAN positivi, ma di importo molto limitato.
Atti del 49° Convegno Società Italiana Di Patologia Aviare SIPA 2010
36
48
Bonoli A.; Dall’Ara A.; Gagliardi S.; Golfari G.; Massi P.; Nonni S.; Poglayen G
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/95135
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact