L’utilizzo di idrolizzato enzimatico di crusca di grano duro consente di ottenere diversi vantaggi, sia riguardo alle attività dei prodotti ottenibili, che dal punto di vista tecnologico in termini di semplicità d’impiego e accettabilità da parte del consumatore. Una maggiore biodisponibilità delle frazioni attive della crusca e la conseguente maggiore efficacia di una fibra trattata enzimaticamente rispetto a quella originaria è già stata studiata e dimostrata su scala di laboratorio in termini di benefici sulla flora intestinale pro-biotica.I trattamenti enzimatici consentono inoltre di aumentare la biodisponibilità dell’acido ferulico dal 3% nella crusca non trattata, al 30% in un idrolizzato enzimatico. Tale processo consente quindi di avere acido ferulico naturale libero e in forma solubile che consente una biodisponibilità elevata a tutti i livelli del processo di ingestione e digestione, contrariamente a quanto avviene con l’acido ferulico contenuto nella crusca, che viene assimilato solo nel tratto finale del tubo digerente

Nuove tecnologie di biocatalisi enzimatica crusca di grano: biodisponibilità e gradevolezza

SETTI, LEONARDO;
2010

Abstract

L’utilizzo di idrolizzato enzimatico di crusca di grano duro consente di ottenere diversi vantaggi, sia riguardo alle attività dei prodotti ottenibili, che dal punto di vista tecnologico in termini di semplicità d’impiego e accettabilità da parte del consumatore. Una maggiore biodisponibilità delle frazioni attive della crusca e la conseguente maggiore efficacia di una fibra trattata enzimaticamente rispetto a quella originaria è già stata studiata e dimostrata su scala di laboratorio in termini di benefici sulla flora intestinale pro-biotica.I trattamenti enzimatici consentono inoltre di aumentare la biodisponibilità dell’acido ferulico dal 3% nella crusca non trattata, al 30% in un idrolizzato enzimatico. Tale processo consente quindi di avere acido ferulico naturale libero e in forma solubile che consente una biodisponibilità elevata a tutti i livelli del processo di ingestione e digestione, contrariamente a quanto avviene con l’acido ferulico contenuto nella crusca, che viene assimilato solo nel tratto finale del tubo digerente
L. Setti; D. Zanichelli; A. Filippini; C. Mezzana
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/94930
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact