Il dibattito sulla risarcibilità o meno del c.d. «danno esistenziale» come autonoma voce di danno non patrimoniale, prima dell’avvento delle sentenze chiarificatrici della Suprema Corte di Cassazione a Sezioni Unite dell’11 novembre 2008, n. 29672 e ss., ha assunto toni vivaci ed ha stimolato profonde riflessioni critiche, che hanno scandagliato molteplici diverse direzioni argomentative a sostegno ora dell’una ora dell’altra tesi.

Recensione dell'opera "G. Ponzanelli (a cura di), Il risarcimento integrale senza il danno esistenziale, Padova, Cedam, 2007 (pp. 309)"

BRAVO, FABIO
2009

Abstract

Il dibattito sulla risarcibilità o meno del c.d. «danno esistenziale» come autonoma voce di danno non patrimoniale, prima dell’avvento delle sentenze chiarificatrici della Suprema Corte di Cassazione a Sezioni Unite dell’11 novembre 2008, n. 29672 e ss., ha assunto toni vivaci ed ha stimolato profonde riflessioni critiche, che hanno scandagliato molteplici diverse direzioni argomentative a sostegno ora dell’una ora dell’altra tesi.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
recensione_bravo_2009-01.pdf

accesso aperto

Tipo: Versione (PDF) editoriale
Licenza: Licenza per Accesso Aperto. Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate (CCBYNCND)
Dimensione 32.46 kB
Formato Adobe PDF
32.46 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/94794
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact