Boccaccio, Christine de Pizan e il mito di Didone