La morte non può essere l’elemento causale dell’attribuzione nel contratto. Il contratto non è in grado di regolare rapporti e situazioni che vengono a formarsi in via originaria con la morte del soggetto o che dalla sua morte traggono comunque una loro autonoma qualificazione. Chiarito che il contratto non può svolgere la funzione dell’atto a causa di morte, riservata in esclusiva al testamento, va però aggiunto che il contratto può, ciò nondimeno, assumere la configurazione di atto ‘connesso alla morte’, o atto post mortem, quando il rapporto, anziché originare da un atto di autonomia compiuto in funzione ed in previsione della morte, preesiste alla morte, la quale funge soltanto da momento di decorrenza degli effetti, configurandosi per lo più come termine di efficacia o come condizione.

Autonomia contrattuale e fenomeni successori

Antonio Albanese
2023

Abstract

La morte non può essere l’elemento causale dell’attribuzione nel contratto. Il contratto non è in grado di regolare rapporti e situazioni che vengono a formarsi in via originaria con la morte del soggetto o che dalla sua morte traggono comunque una loro autonoma qualificazione. Chiarito che il contratto non può svolgere la funzione dell’atto a causa di morte, riservata in esclusiva al testamento, va però aggiunto che il contratto può, ciò nondimeno, assumere la configurazione di atto ‘connesso alla morte’, o atto post mortem, quando il rapporto, anziché originare da un atto di autonomia compiuto in funzione ed in previsione della morte, preesiste alla morte, la quale funge soltanto da momento di decorrenza degli effetti, configurandosi per lo più come termine di efficacia o come condizione.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
AUTONOMIA CONTRATTUALE E FENOMENI SUCCESSORI.pdf

embargo fino al 01/01/2027

Descrizione: Saggio pubblicato su Archivio giuridico, anno CLV, fasc. 3 2023, pp. 559-605
Tipo: Versione (PDF) editoriale
Licenza: Licenza per accesso libero gratuito
Dimensione 496.38 kB
Formato Adobe PDF
496.38 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Contatta l'autore

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/946417
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact