Sui teatri Barberini: nuovi documenti e alcune riflessioni