Editoriale. In conclusione al progetto "Scritture per la scena": l'incontenibile nozione di "polarità"