La gestione del rischio nel campo dei Beni Culturali, ai fini della tutela e salvaguardia, è strettamente legata alla conoscenza del patrimonio e del livello del rischio a cui esso è esposto nel contesto in cui si trova. Queste attività vedono un crescente interesse per l’impiego di tecniche e tecnologie della Geomatica, con ambiti applicativi diversi che si possono classificare in due categorie principali: - documentazione di beni mobili ed immobili a fini di studio, conoscenza, conservazione e restauro: le tecniche geomatiche, anche grazie al fatto che i loro prodotti sono oggi digitali, consentono una descrizione metrica ed anche qualitativa che può avvalersi di strumenti di indagine e rilevamento diversi ma interfacciabili tra loro, grazie alla disponibilità di metodi ed algoritmi di trasformazione e fusione di dati; - controllo e monitoraggio dello stato di beni mobili ed immobili, operazioni che si possono applicare all’oggetto ed all’ambito territoriale in cui esso si trova. Nel lavoro vengono discusse queste problematiche anche nell’ottica del supporto alla redazione di sistemi informativi per la mappatura del rischio.

Geomatica e Beni Culturali: tecniche integrate per la documentazione e per la gestione del rischio

BITELLI, GABRIELE;MANNINA, MARCELLA
2010

Abstract

La gestione del rischio nel campo dei Beni Culturali, ai fini della tutela e salvaguardia, è strettamente legata alla conoscenza del patrimonio e del livello del rischio a cui esso è esposto nel contesto in cui si trova. Queste attività vedono un crescente interesse per l’impiego di tecniche e tecnologie della Geomatica, con ambiti applicativi diversi che si possono classificare in due categorie principali: - documentazione di beni mobili ed immobili a fini di studio, conoscenza, conservazione e restauro: le tecniche geomatiche, anche grazie al fatto che i loro prodotti sono oggi digitali, consentono una descrizione metrica ed anche qualitativa che può avvalersi di strumenti di indagine e rilevamento diversi ma interfacciabili tra loro, grazie alla disponibilità di metodi ed algoritmi di trasformazione e fusione di dati; - controllo e monitoraggio dello stato di beni mobili ed immobili, operazioni che si possono applicare all’oggetto ed all’ambito territoriale in cui esso si trova. Nel lavoro vengono discusse queste problematiche anche nell’ottica del supporto alla redazione di sistemi informativi per la mappatura del rischio.
Atti 14a Conferenza ASITA
279
283
Bitelli G.; Mannina M.
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/94144
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact