L'articolo prende in esame la visione teorica di Franco Farinelli, in particolare per quanto riguarda l'interpretazione dei fenomeni globali delle reti, irriducibili alla lettura geografica tradizionale, fondata sul modello cartografico. Utilizzando il racconto virgiliano della fondazione di Cartagine, indagato già a fine ottocento in geometria come applicazione empirica della proprietà isoperimetrica, l'articolo sviluppa la riflessione sulla teoria di Farinelli delineando una possibile direzione d'indagine sulle reti.

L´ARGUZIA DI DIDONE

NEVE, MARIO ANGELO
2010

Abstract

L'articolo prende in esame la visione teorica di Franco Farinelli, in particolare per quanto riguarda l'interpretazione dei fenomeni globali delle reti, irriducibili alla lettura geografica tradizionale, fondata sul modello cartografico. Utilizzando il racconto virgiliano della fondazione di Cartagine, indagato già a fine ottocento in geometria come applicazione empirica della proprietà isoperimetrica, l'articolo sviluppa la riflessione sulla teoria di Farinelli delineando una possibile direzione d'indagine sulle reti.
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/93712
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact