Una "mutazione antropologica" come nuova sfida per la scuola cattolica?