Consumatore 2.0, partecipazione o sfruttamento?