Pier Paolo Pasolini vedeva i giovani come la punta avanzata della società. Dunque nella fascia giovanile riteneva di poter intuire in maniera più evidente quei fenomeni che riguardavano la società nel suo complesso. Il presente articolo parte dall’analisi di un testo dei primi mesi del 1975, dal titolo I giovani infelici, che Pasolini aveva deciso di porre quale capitolo introduttivo del volume Lettere luterane, che sarebbe uscito postumo nel 1976, l’anno dopo la morte dell’autore. Pasolini sostiene di percepire l’infelicità delle nuove generazioni a partire dall’osservazione del loro aspetto, dei loro gesti, dei loro comportamenti. La diagnosi pasoliniana di tale supposta infelicità ha a che fare con la pervasività del processo di omologazione in atto nella società italiana del tempo. Lo stesso crescente permissivismo in campo sessuale, lungi dal rappresentare un’autentica liberazione, è motivo di comportamenti massificanti e fonte di ansia nevrotica, poiché obbliga i giovani ad aderire inconsciamente allo schema coatto della coppia eterosessuale. L’articolo amplia poi l’indagine di questi temi tipici della riflessione dell’ultimo Pasolini facendo riferimento anche ad altre opere dello scrittore: dagli Scritti corsari all’estrema, disperata allegoria cinematografica di Salò o le 120 giornate di Sodoma, fino al romanzo incompiuto Petrolio.

Pasolini e i giovani infelici / Carnero, Roberto. - In: SINESTESIE. - ISSN 1721-3509. - STAMPA. - XXV:(2023), pp. 141-154.

Pasolini e i giovani infelici

Carnero, Roberto
2023

Abstract

Pier Paolo Pasolini vedeva i giovani come la punta avanzata della società. Dunque nella fascia giovanile riteneva di poter intuire in maniera più evidente quei fenomeni che riguardavano la società nel suo complesso. Il presente articolo parte dall’analisi di un testo dei primi mesi del 1975, dal titolo I giovani infelici, che Pasolini aveva deciso di porre quale capitolo introduttivo del volume Lettere luterane, che sarebbe uscito postumo nel 1976, l’anno dopo la morte dell’autore. Pasolini sostiene di percepire l’infelicità delle nuove generazioni a partire dall’osservazione del loro aspetto, dei loro gesti, dei loro comportamenti. La diagnosi pasoliniana di tale supposta infelicità ha a che fare con la pervasività del processo di omologazione in atto nella società italiana del tempo. Lo stesso crescente permissivismo in campo sessuale, lungi dal rappresentare un’autentica liberazione, è motivo di comportamenti massificanti e fonte di ansia nevrotica, poiché obbliga i giovani ad aderire inconsciamente allo schema coatto della coppia eterosessuale. L’articolo amplia poi l’indagine di questi temi tipici della riflessione dell’ultimo Pasolini facendo riferimento anche ad altre opere dello scrittore: dagli Scritti corsari all’estrema, disperata allegoria cinematografica di Salò o le 120 giornate di Sodoma, fino al romanzo incompiuto Petrolio.
2023
Pasolini e i giovani infelici / Carnero, Roberto. - In: SINESTESIE. - ISSN 1721-3509. - STAMPA. - XXV:(2023), pp. 141-154.
Carnero, Roberto
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Pasolini_giovani_infelici_Sinestesie_2023.pdf

accesso aperto

Tipo: Versione (PDF) editoriale
Licenza: Licenza per Accesso Aperto. Creative Commons Attribuzione (CCBY)
Dimensione 920.17 kB
Formato Adobe PDF
920.17 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/921173
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact