La penalizzazione della politica: una peculiarità italiana?