The article focuses on codex XXV held at the Biblioteca Capitolare di Vercelli, a partially illuminated copy of the early manuscript tradition of the Decretum Gratiani, originally titled as Concordia discordantium canonum, which became shortly after its composition in Bologna before the mid-twelfth century one among the main reference textbooks for studying and teaching canon law in theWestern MiddleAges.The codex inVercelli has been at the core of a complicate literature and well exemplifies the issues offered by the early illuminated manuscripts of the Decretum, especially those produced in Italy, particularly with regards to the creation place and the origin of the artists responsible for the illumination.

L’articolo è dedicato al codice XXV della Biblioteca Capitolare di Vercelli, una copia parzialmente decorata della più antica tradizione manoscritta del Decretum Gratiani, recante in origine il titolo di Concordia discordantium canonum, opera destinata a diventare fin da subito dopo la sua composizione a Bologna entro la metà del XII secolo uno tra i principali testi di riferimento per lo studio e l’insegnamento del diritto canonico nel Medioevo occidentale. Al centro di una vicenda critica piuttosto intricata, il codice vercellese rappresenta un caso particolarmente esemplificativo delle problematiche presentate dai primi manoscritti miniati del Decretum specialmente di area italiana, soprattutto per quanto riguarda il luogo di creazione e la cultura di formazione degli artefici responsabili della decorazione.

Per gli inizi della decorazione del Decretum Gratiani: il codice XXV della Biblioteca Capitolare di Vercelli / Gianluca del Monaco. - In: INTRECCI D'ARTE. - ISSN 2240-7251. - ELETTRONICO. - 11:(2022), pp. 7-31. [10.6092/issn.2240-7251/16216]

Per gli inizi della decorazione del Decretum Gratiani: il codice XXV della Biblioteca Capitolare di Vercelli

Gianluca del Monaco
2022

Abstract

The article focuses on codex XXV held at the Biblioteca Capitolare di Vercelli, a partially illuminated copy of the early manuscript tradition of the Decretum Gratiani, originally titled as Concordia discordantium canonum, which became shortly after its composition in Bologna before the mid-twelfth century one among the main reference textbooks for studying and teaching canon law in theWestern MiddleAges.The codex inVercelli has been at the core of a complicate literature and well exemplifies the issues offered by the early illuminated manuscripts of the Decretum, especially those produced in Italy, particularly with regards to the creation place and the origin of the artists responsible for the illumination.
2022
Per gli inizi della decorazione del Decretum Gratiani: il codice XXV della Biblioteca Capitolare di Vercelli / Gianluca del Monaco. - In: INTRECCI D'ARTE. - ISSN 2240-7251. - ELETTRONICO. - 11:(2022), pp. 7-31. [10.6092/issn.2240-7251/16216]
Gianluca del Monaco
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
PER GLI INIZI DELLA DECORAZIONE DEL DECRETUM GRATIAN.pdf

accesso aperto

Descrizione: Articolo
Tipo: Versione (PDF) editoriale
Licenza: Licenza per Accesso Aperto. Creative Commons Attribuzione (CCBY)
Dimensione 2.27 MB
Formato Adobe PDF
2.27 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/918058
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus 0
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? 0
social impact