Nella seconda metà del Duecento, è ancora rilevante la presenza di studenti fiorentini - o più altamente toscani - presso lo Studium di Bologna; tuttavia, - a parte un passo poco convincente di Giovanni Boccaccio, nessuna testimonianza ci consente di sostenere che Dante Alighieri abbia frequentato le aule universitarie bolognesi, mentre appare certa la sua presenza nella città emiliana durante gli anni della giovinezza. Peraltro, nello stesso periodo, la nutrita presenza fiorentina a Bologna era dettata da ragioni disparate, soprattutto di ordine economico.

Studenti fiorentini a Bologna sul finire del secolo XIII

B. Pio
2022

Abstract

Nella seconda metà del Duecento, è ancora rilevante la presenza di studenti fiorentini - o più altamente toscani - presso lo Studium di Bologna; tuttavia, - a parte un passo poco convincente di Giovanni Boccaccio, nessuna testimonianza ci consente di sostenere che Dante Alighieri abbia frequentato le aule universitarie bolognesi, mentre appare certa la sua presenza nella città emiliana durante gli anni della giovinezza. Peraltro, nello stesso periodo, la nutrita presenza fiorentina a Bologna era dettata da ragioni disparate, soprattutto di ordine economico.
Dante e Bologna. Istituzioni, convergenze e saperi
29
47
B. Pio
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/906995
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact