Il mondo della scuola: solo un momento di transizione?