"Un non calmato stupore della “forma”". Gianfranco Contini traduttore di Hölderlin