La recensione commenta criticamente il volume pubblicato da Babette Bohn sul fenomeno bolognese delle donne artiste in età moderna, evidenziandone gli aspetti di novità, legata principalmente alla misurazione del successo - più o meno persistente - che pittrici, scultrici, incisore riscossero presso il collezionismo coevo (attraverso la consultazione di documenti d'archivio, come gli inventari dei beni allegati ai testamenti). Una riflessione specifica è dedicata alle artiste dedite all'arte della stampa e dell'incisione, con particolare riferimento all'attività di Elisabetta Sirani e Veronica Fontana.

Women Artists in Early Modern Bologna (by Babette Bohn)

Graziani Irene
2022

Abstract

La recensione commenta criticamente il volume pubblicato da Babette Bohn sul fenomeno bolognese delle donne artiste in età moderna, evidenziandone gli aspetti di novità, legata principalmente alla misurazione del successo - più o meno persistente - che pittrici, scultrici, incisore riscossero presso il collezionismo coevo (attraverso la consultazione di documenti d'archivio, come gli inventari dei beni allegati ai testamenti). Una riflessione specifica è dedicata alle artiste dedite all'arte della stampa e dell'incisione, con particolare riferimento all'attività di Elisabetta Sirani e Veronica Fontana.
2022
Graziani Irene
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/903642
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact