La resezione curativa da sola (Stadio I) o associata alla chemioradioterapia neoadiuvante (Stadio II,III e IV) rappresenta il gold standard nel trattamento delle neoplasie del retto. Tale trattamento non è possibile nel 30 % dei casi con malattia localmente avanzata (LARC) e nel 20 % dei pazienti con metastasi epatiche multiple. Inoltre, in un numero sempre più limitato dei casi il trattamento chirurgico è controindicato dalla presenza di multiple e severe comorbidità. Il trattamento palliativo in questi pazienti si avvale oltre che della chemioterapia sistemica anche di metodiche chirurgiche (resezione palliativa e colostomia) e endoscopiche (elettroresezione, dilatazione, posizionamento di stent, crioterapia e ricanalizzazione laser). Fra le metodiche endoscopiche l'impiego dello Nd-YAG laser sembra essere efficace nel controllo locale della malattia e quindi dei sintomi ad essa correlati (ostruzione, sanguinamento, tenesmo mucorrea) attraverso un effetto citoriduttivo. Scopo del presente lavoro è quello di presentare i risultati della nostra esperienza nell'impiego del Nd-YAG laser presso il Centro Laser Multidisciplinare del Policlinico Universitario S.Orsola di Bologna.

ENDOSCOPIA CHIRURGICA PALLIATIVA NEL CANCRO DEL RETTO:LA RICANALIZZAZIONE CON ND-YAG LASER

GIULIETTI, PIERANGELO;LUMIA, SALVATORE;BACCARO, CINZIA;MINNI, FRANCESCO
2009

Abstract

La resezione curativa da sola (Stadio I) o associata alla chemioradioterapia neoadiuvante (Stadio II,III e IV) rappresenta il gold standard nel trattamento delle neoplasie del retto. Tale trattamento non è possibile nel 30 % dei casi con malattia localmente avanzata (LARC) e nel 20 % dei pazienti con metastasi epatiche multiple. Inoltre, in un numero sempre più limitato dei casi il trattamento chirurgico è controindicato dalla presenza di multiple e severe comorbidità. Il trattamento palliativo in questi pazienti si avvale oltre che della chemioterapia sistemica anche di metodiche chirurgiche (resezione palliativa e colostomia) e endoscopiche (elettroresezione, dilatazione, posizionamento di stent, crioterapia e ricanalizzazione laser). Fra le metodiche endoscopiche l'impiego dello Nd-YAG laser sembra essere efficace nel controllo locale della malattia e quindi dei sintomi ad essa correlati (ostruzione, sanguinamento, tenesmo mucorrea) attraverso un effetto citoriduttivo. Scopo del presente lavoro è quello di presentare i risultati della nostra esperienza nell'impiego del Nd-YAG laser presso il Centro Laser Multidisciplinare del Policlinico Universitario S.Orsola di Bologna.
CD Relazioni, 111° Congresso Nazionale della Società Italiana di Chirurgia SIC-Rimini, 25-29 ottobre 2009
************
*************
P.Giulietti ; C. Ricci; S. Lumia; C. Baccaro; F. Minni
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/88779
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact