La radioterapia nel trattamento delle neoplasie della regione pelvica, a livello di utero, cervice, prostata, vescica e retto, è spesso associata all’insorgenza di proctite acuta e cronica. Mentre la proctite acuta tende a risolversi spontaneamente, la forma cronica è spesso difficile da trattare. Infatti la fibrosi e l’endoarterite obliterante, in alcuni pazienti, possono indurre fenomeni di telengectasia, stenosi e fistole. La complicanza più frequente è il sanguinamento da rottura di telengectasie, che pone spesso indicazione a trasfusioni croniche, a causa della cronica anemizzazione del paziente. Il trattamento medico della proctite post-attinica risulta spesso inefficace. Farmaci quali la sulfasalazina orale o l’applicazione locale di acido acetil-salicilico, di sucralfato o steroidi, non si sono rilevati idonei a indurre e a mantenere la remissione clinica. L’endoscopia è il trattamento di scelta del sanguinamento, attraverso l’utilizzo della termocoagulazione, l’applicazione di formalina e la coagulazione mediante l’utilizzo di laser ad argon o Nd:YAG laser. La comprovata efficacia del Nd:YAG laser nel controllo a lungo termine del sanguinamento ha favorito la sua diffusione e il suo utilizzo. In questo studio riportiamo la nostra esperienza su – pazienti, trattati dal 1997 al maggio 2008.

EMORRAGIA DA PROCTITE ATTINICA: EMOSTASI E TRATTAMENTO

GIULIETTI, PIERANGELO;D'AMBRA, MARIELDA;BUSCEMI, SALVATORE;LUMIA, SALVATORE;CASADEI, RICCARDO;BACCARO, CINZIA;MINNI, FRANCESCO
2008

Abstract

La radioterapia nel trattamento delle neoplasie della regione pelvica, a livello di utero, cervice, prostata, vescica e retto, è spesso associata all’insorgenza di proctite acuta e cronica. Mentre la proctite acuta tende a risolversi spontaneamente, la forma cronica è spesso difficile da trattare. Infatti la fibrosi e l’endoarterite obliterante, in alcuni pazienti, possono indurre fenomeni di telengectasia, stenosi e fistole. La complicanza più frequente è il sanguinamento da rottura di telengectasie, che pone spesso indicazione a trasfusioni croniche, a causa della cronica anemizzazione del paziente. Il trattamento medico della proctite post-attinica risulta spesso inefficace. Farmaci quali la sulfasalazina orale o l’applicazione locale di acido acetil-salicilico, di sucralfato o steroidi, non si sono rilevati idonei a indurre e a mantenere la remissione clinica. L’endoscopia è il trattamento di scelta del sanguinamento, attraverso l’utilizzo della termocoagulazione, l’applicazione di formalina e la coagulazione mediante l’utilizzo di laser ad argon o Nd:YAG laser. La comprovata efficacia del Nd:YAG laser nel controllo a lungo termine del sanguinamento ha favorito la sua diffusione e il suo utilizzo. In questo studio riportiamo la nostra esperienza su – pazienti, trattati dal 1997 al maggio 2008.
CD Relazioni, 110° Congresso Nazionale della Società Italiana di Chirurgia SIC-Roma, 19-22 ottobre 2008
************
*************
P.Giulietti; M.D'Ambra ;S. Buscemi; C.Ricci; S.Lumia;R. Casadei ;C.Baccaro;A.Argyropoulou ; F. Minni
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/88775
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact