Un filologo pistoiese. Michele Barbi tra università e biblioteche