La scrittura come traccia creaturale: Terra matta di Vincenzo Rabito