Le recenti innovazioni nel campo dell’elettronica e della tecnologia dell’informazione hanno reso disponibili sensori avanzati e a basso costo finalizzati al monitoraggio del territorio. In particolare, le reti di sensori wireless (Wireless Sensor Network, WSN) ed i sensori per il telerilevamento Lidar e iperspettrale (Airborne Terrain Mapping, ATM) stanno attirando l’interesse degli enti territoriali per la loro vocazione a monitorare in modo distribuito ambienti naturali ostili quali siti contaminati, zone sismicamente attive e aree in frana (Polastre, 2003; Martinez et al., 2005; Werner-Allen et al., 2006). Nell’ambito del progetto WISELAND (Ministero dell’Università e della Ricerca Scientifica, finanziamento PRIN2007; http://prin07.geomin.unibo.it/prin07/index.html) sono state combinate le tecnologie WSN e ATM per il monitoraggio di una zona franosa ad elevata pericolosità (frana di Silla-Montecchi, Gaggio Montano, BO). Il progetto prevede di restituire i dati della rete WSN (spostamento del corpo di frana, condizioni idrauliche del versante) su una piattaforma ArcSDE/ArcIMS utilizzando come base un DEM ad alta risoluzione ottenuto dal rilievo Lidar. L’integrazione tra sensori di nuova generazione e tecnologie GIS ha lo scopo di promuovere la diffusione dei dati di monitoraggio e di migliorarne la condivisione con i soggetti istituzionali.

Reti di sensori wireless per il monitoraggio di una zona in frana.

BERTI, MATTEO;SIMONI, ALESSANDRO;
2009

Abstract

Le recenti innovazioni nel campo dell’elettronica e della tecnologia dell’informazione hanno reso disponibili sensori avanzati e a basso costo finalizzati al monitoraggio del territorio. In particolare, le reti di sensori wireless (Wireless Sensor Network, WSN) ed i sensori per il telerilevamento Lidar e iperspettrale (Airborne Terrain Mapping, ATM) stanno attirando l’interesse degli enti territoriali per la loro vocazione a monitorare in modo distribuito ambienti naturali ostili quali siti contaminati, zone sismicamente attive e aree in frana (Polastre, 2003; Martinez et al., 2005; Werner-Allen et al., 2006). Nell’ambito del progetto WISELAND (Ministero dell’Università e della Ricerca Scientifica, finanziamento PRIN2007; http://prin07.geomin.unibo.it/prin07/index.html) sono state combinate le tecnologie WSN e ATM per il monitoraggio di una zona franosa ad elevata pericolosità (frana di Silla-Montecchi, Gaggio Montano, BO). Il progetto prevede di restituire i dati della rete WSN (spostamento del corpo di frana, condizioni idrauliche del versante) su una piattaforma ArcSDE/ArcIMS utilizzando come base un DEM ad alta risoluzione ottenuto dal rilievo Lidar. L’integrazione tra sensori di nuova generazione e tecnologie GIS ha lo scopo di promuovere la diffusione dei dati di monitoraggio e di migliorarne la condivisione con i soggetti istituzionali.
12 Conferenza Italiana Utenti ESRI
Berti M.; Rosi A.; Sabbadini R.; Simoni A.; Zambonelli F.
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/87898
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact