La sentenza Fidenato della Corte di giustizia dell'Unione europea (C-111/16, sent. del 13 settembre 2017) non si distingue soltanto per il rilievo mediatico che ha avuto sul piano interno, ma è di grande interesse giuridico, perché concorre a chiarire il grado di incidenza che il principio di precauzione può esercitare (o meno) sui rapporti tra ordinamento UE e ordinamenti nazionali in materia di sicurezza alimentare applicata agli OGM, specie alla luce dell’evoluzione della normativa sovranazionale di settore. Il contributo esamina la pronuncia della Corte, riflettendo sulla diversità di approccio tra giurisprudenza UE e nazionale.

Corte di giustizia dell’Unione europea e (non) applicazione del principio di precauzione alle misure provvisorie di emergenza in materia di OGM: note sulla sentenza Fidenato

Federico Ferri
2018

Abstract

La sentenza Fidenato della Corte di giustizia dell'Unione europea (C-111/16, sent. del 13 settembre 2017) non si distingue soltanto per il rilievo mediatico che ha avuto sul piano interno, ma è di grande interesse giuridico, perché concorre a chiarire il grado di incidenza che il principio di precauzione può esercitare (o meno) sui rapporti tra ordinamento UE e ordinamenti nazionali in materia di sicurezza alimentare applicata agli OGM, specie alla luce dell’evoluzione della normativa sovranazionale di settore. Il contributo esamina la pronuncia della Corte, riflettendo sulla diversità di approccio tra giurisprudenza UE e nazionale.
FEDERALISMI.IT
Federico Ferri
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/876282
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact