Un fiume chiamato tempo, una casa chiamata terra.

MULINACCI, ROBERTO
2005

8882466531
In una zona imprecisata dell'Africa, uno studente torna nella sua isola natale per la cerimonia funebre del nonno Mariano, suo omonimo. Ma il vecchio patriarca non è ancora defunto: si trova imprigionato in uno stato molto prossimo alla morte. Grazie alla sua scrittura originalissima, e a una voce ironica, ricca di invenzioni e di cadenze della tradizione orale, Mia Couto conduce il lettore in un universo dove si confrontano la realtà e l'irrealtà, il razionale e l'irrazionale; e all'interno di questa cornice magico-folclorica, le vicende del romanzo offrono una felice trasposizione fantastica della realtà africana.
R. Mulinacci
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/8756
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact