A partire dalle ultime tendenze della critica sulla Morante, e in particolare dal recente libro di Francesca Giuntoli Liverani, "Elsa Morante: l'ultimo romanzo possibile" (Napoli, Liguori, 2008), è possibile interpretare il romanzo "Menzogna e sortilegio" in chiave nuova, inserendolo in una filiera di testi che, da "Fosca" di Tarchetti e "Il marito di Elena" di Verga, fino ai "Sei personaggi" di Pirandello e oltre, traccia la linea di un "autobiografismo fantastico" italiano. Così si potrebbe definire, infatti, quel genere di autobiografismo antirealistico di cui in Italia "Menzogna e sortilegio" costituisce l'apice e la messa in crisi, restando un unicum anche nella produzione della Morante stessa.

A proposito di Menzogna e sortilegio di Elsa Morante

NOBILI, CLAUDIA SEBASTIANA
2009

Abstract

A partire dalle ultime tendenze della critica sulla Morante, e in particolare dal recente libro di Francesca Giuntoli Liverani, "Elsa Morante: l'ultimo romanzo possibile" (Napoli, Liguori, 2008), è possibile interpretare il romanzo "Menzogna e sortilegio" in chiave nuova, inserendolo in una filiera di testi che, da "Fosca" di Tarchetti e "Il marito di Elena" di Verga, fino ai "Sei personaggi" di Pirandello e oltre, traccia la linea di un "autobiografismo fantastico" italiano. Così si potrebbe definire, infatti, quel genere di autobiografismo antirealistico di cui in Italia "Menzogna e sortilegio" costituisce l'apice e la messa in crisi, restando un unicum anche nella produzione della Morante stessa.
C.S. Nobili
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/87535
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact