La circolazione dell’accertamento dall’atto amministrativo al processo civile: intorno alla categoria di "prova privilegiata"