Le Università di Padova e Bologna, tramite rispettivamente i Dipartimenti FISPPA e QuVi, hanno avviato un progetto comune riferito alla tutela del patrimonio naturale e culturale entro la cornice definita dall’Outdoor Education (OE). Le azioni epistemiche, sviluppate tramite un doppio piano d’indagine (esperienziale e teorico), mirano all’individuazione di elementi validi sia a livello epistemologico, sia pragmatico o di “messa in situazione” di quanto esplorato. In particolare, ciò che può essere definito “cittadinanza sostenibile e presa in cura dei luoghi” richiede una definizione pedagogica dei modelli di OE rivolti a diversi contesti, nonché un’analisi critica dei processi di relazione e cura nei confronti del natural and cultural heritage, che può sinteticamente essere definito come “paesaggio”. Aspetto fondamentale dell’analisi riguarda la problematizzazione dei numerosi modi di esperire e tutelare il patrimonio costituito appunto dal paesaggio, non circoscrivibile in maniera univoca. Possibili chiavi di lettura, al di là dei (o meglio, entro i) contesti, riguardano infatti l’ecologia, i diritti civili e gli orizzonti esistenziali. Per ultimo, ma certamente non meno importante, viene presentato un percorso di Ricerca-Azione che illustra alcuni passaggi concreti di OE finalizzati alla cura parallela del paesaggio e delle relazioni sociali che su di esso insistono.

Conoscenza, cura dei luoghi e partecipazione come opportunità- di sviluppo dell’umano e promozione di competenze di cittadinanza

Bortolotti Alessandro;
2020

Abstract

Le Università di Padova e Bologna, tramite rispettivamente i Dipartimenti FISPPA e QuVi, hanno avviato un progetto comune riferito alla tutela del patrimonio naturale e culturale entro la cornice definita dall’Outdoor Education (OE). Le azioni epistemiche, sviluppate tramite un doppio piano d’indagine (esperienziale e teorico), mirano all’individuazione di elementi validi sia a livello epistemologico, sia pragmatico o di “messa in situazione” di quanto esplorato. In particolare, ciò che può essere definito “cittadinanza sostenibile e presa in cura dei luoghi” richiede una definizione pedagogica dei modelli di OE rivolti a diversi contesti, nonché un’analisi critica dei processi di relazione e cura nei confronti del natural and cultural heritage, che può sinteticamente essere definito come “paesaggio”. Aspetto fondamentale dell’analisi riguarda la problematizzazione dei numerosi modi di esperire e tutelare il patrimonio costituito appunto dal paesaggio, non circoscrivibile in maniera univoca. Possibili chiavi di lettura, al di là dei (o meglio, entro i) contesti, riguardano infatti l’ecologia, i diritti civili e gli orizzonti esistenziali. Per ultimo, ma certamente non meno importante, viene presentato un percorso di Ricerca-Azione che illustra alcuni passaggi concreti di OE finalizzati alla cura parallela del paesaggio e delle relazioni sociali che su di esso insistono.
Educare alla cittadinanza locale e globale
25
31
Bortolotti Alessandro; Benetton Mirca
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/873536
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact