Sulla durata dell’architettura moderna