Recensione al volume Paolo Fabbri, Vedere ad arte. Iconico e icastico. Gli interessi culturali di Paolo Fabbri hanno spaziato in numerosissimi ambiti disciplinari: dalla comunicazione alla sociologia, dall’epistemologia all’arte, solo per ricordare quelli che con maggior frequenza ricorrono nei suoi scritti e nei suoi interventi orali. Senza alcuna deroga al suo rigoroso metodo di analisi nell’ambito dell’orizzonte semiotico, egli è sempre riuscito a mettere in dialogo discipline diverse, prati- cando concretamente l’approccio interdisciplinare il più delle volte in modo originale e coinvolgente. Vedere ad arte. Iconico e icastico raccoglie oltre quaranta saggi che Paolo Fabbri ha dedicato agli artisti e all’arte. A ragione si può affermare che ogni contributo – lungo o breve che sia – contiene puntuali e sferzanti considerazioni, ma nell’impossibilità di entrare nel merito di ognuno di essi, si concentrerà qui l’attenzione essenzialmente là dove entra in azione con più finezza il dialogo fra parola e immagine. La raccolta si apre con un denso saggio intitolato “La riconcezione semiotica”, il cui proposito è quello di implementare l’approccio estetico di Nelson Goodman – definito il Saussure dell’estetica – attraverso ap- punto una riconcezione semiotica.

lucia corrain (2021). Paolo Fabbri, Vedere ad arte. Iconico e icastico, a cura di Tiziana Migliore, Milano-Udine, Mimesis, 2020, pp. 486. IMMAGINE & PAROLA, 2, 157-159.

Paolo Fabbri, Vedere ad arte. Iconico e icastico, a cura di Tiziana Migliore, Milano-Udine, Mimesis, 2020, pp. 486.

lucia corrain
2021

Abstract

Recensione al volume Paolo Fabbri, Vedere ad arte. Iconico e icastico. Gli interessi culturali di Paolo Fabbri hanno spaziato in numerosissimi ambiti disciplinari: dalla comunicazione alla sociologia, dall’epistemologia all’arte, solo per ricordare quelli che con maggior frequenza ricorrono nei suoi scritti e nei suoi interventi orali. Senza alcuna deroga al suo rigoroso metodo di analisi nell’ambito dell’orizzonte semiotico, egli è sempre riuscito a mettere in dialogo discipline diverse, prati- cando concretamente l’approccio interdisciplinare il più delle volte in modo originale e coinvolgente. Vedere ad arte. Iconico e icastico raccoglie oltre quaranta saggi che Paolo Fabbri ha dedicato agli artisti e all’arte. A ragione si può affermare che ogni contributo – lungo o breve che sia – contiene puntuali e sferzanti considerazioni, ma nell’impossibilità di entrare nel merito di ognuno di essi, si concentrerà qui l’attenzione essenzialmente là dove entra in azione con più finezza il dialogo fra parola e immagine. La raccolta si apre con un denso saggio intitolato “La riconcezione semiotica”, il cui proposito è quello di implementare l’approccio estetico di Nelson Goodman – definito il Saussure dell’estetica – attraverso ap- punto una riconcezione semiotica.
2021
lucia corrain (2021). Paolo Fabbri, Vedere ad arte. Iconico e icastico, a cura di Tiziana Migliore, Milano-Udine, Mimesis, 2020, pp. 486. IMMAGINE & PAROLA, 2, 157-159.
lucia corrain
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/868889
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact