Diversi metodi sono stati utilizzati per descrivere il fenomeno del pivot-shift nelle ginocchia con ACL rotto. In questo studio abbiamo analizzato intra-operatoriamente questo test per mezzo di un navigatore, al fine di quantificare le differenti componenti e per evidenziare la sua rilevanza clinica, correlando i risultati ottenuti con i test di lassità (Lachman e rotazione Interna/Esterna a 30°) e con uno score clinico (IKDC). Sono stati inclusi in questo studio 18 pazienti che consecutivamente hanno subito una ricostruzione di ACL anatomica a doppio fascio. Un sistema commerciale di navigazione (BLU-IGS, Orthokey) è stato utilizzato per l'acquisizione della cinematica intra-operatoria. Ciascun parametro è stato correlato alla valutazione statica delle lassità pre-operatorie e al grado di IKDC. I picchi massimi durante il pivot-shift test sono stati raggiunti tra i 20º e 30º di flessione. I pazienti che pre-operatoriamente presentavano un grado IKDC "D" hanno avuto un area significativamente più grande sia in A/P che in I/E, rispetto ai pazienti con grado di IKDC "C"; dopo la ricostruzione anatomica a doppio fascio non vi era invece alcuna differenza fra i gruppi. E' stato dimostrata la presenza di un rapporto abbastanza stretto tra le aree in A/P e I/E e lo score pre-operatorio. La quantificazione qui presentata risulta estremamente utile per caratterizzare le lassità specifiche di ciascun paziente e per valutare le prestazioni nella ricostruzione dell'ACL, quantificando così e migliorando la rilevanza clinica del pivot-shift.

Quantitative correlation between IKDC score, static laxity, and pivot-shift test: a kinematic analysis of knee stability in anatomic double-bundle anterior cruciate ligament reconstruction

ZAFFAGNINI, STEFANO;GIORDANO, GIOVANNI;MARCACCI, MAURILIO
2008

Abstract

Diversi metodi sono stati utilizzati per descrivere il fenomeno del pivot-shift nelle ginocchia con ACL rotto. In questo studio abbiamo analizzato intra-operatoriamente questo test per mezzo di un navigatore, al fine di quantificare le differenti componenti e per evidenziare la sua rilevanza clinica, correlando i risultati ottenuti con i test di lassità (Lachman e rotazione Interna/Esterna a 30°) e con uno score clinico (IKDC). Sono stati inclusi in questo studio 18 pazienti che consecutivamente hanno subito una ricostruzione di ACL anatomica a doppio fascio. Un sistema commerciale di navigazione (BLU-IGS, Orthokey) è stato utilizzato per l'acquisizione della cinematica intra-operatoria. Ciascun parametro è stato correlato alla valutazione statica delle lassità pre-operatorie e al grado di IKDC. I picchi massimi durante il pivot-shift test sono stati raggiunti tra i 20º e 30º di flessione. I pazienti che pre-operatoriamente presentavano un grado IKDC "D" hanno avuto un area significativamente più grande sia in A/P che in I/E, rispetto ai pazienti con grado di IKDC "C"; dopo la ricostruzione anatomica a doppio fascio non vi era invece alcuna differenza fra i gruppi. E' stato dimostrata la presenza di un rapporto abbastanza stretto tra le aree in A/P e I/E e lo score pre-operatorio. La quantificazione qui presentata risulta estremamente utile per caratterizzare le lassità specifiche di ciascun paziente e per valutare le prestazioni nella ricostruzione dell'ACL, quantificando così e migliorando la rilevanza clinica del pivot-shift.
N. Lopomo; S. Bignozzi; S. Zaffagnini; G. Giordano; J. J. Irrgang; F. H. Fu; M. Marcacci
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/86558
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus 13
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact