Esiste ancora il rischio relativo?