La "lingua scritta della realtà" tra visibile e dicibile. Pasolini, Eco, Peirce e Deleuze