Per Andrea Battistini. La geometrica variabile dei ricordi