Dal «mare crudele» all’«umile pianta»: Virgilio nel I canto del «Purgatorio»