Tanto si è detto in proposito dell’ordinanza di rinvio pregiudiziale ex art. 267 TFUE n. 117 del 2019 della Corte costituzionale. Tale ordinanza ha suscitato in dottrina l’unanime speranza di una stagione di rinnovata collaborazione tra la Corte costituzionale e la Corte di giustizia, a seguito della temuta rottura dei rapporti tra i due giudici con la sentenza n. 269 del 2017, prima tappa della “saga” sulla c.d. doppia pregiudizialità che ha visto la Corte costituzionale prendere posizione sul proprio ruolo di giudice dei diritti protetti ad un tempo sia dalla Costituzione che dalla Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea. La risposta della Corte di giustizia a detta ordinanza è giunta il 2 febbraio 2021, dimostrando una sostanziale convergenza di vedute con la Consulta rispetto al c.d. diritto al silenzio nell’ambito delle audizioni condotte dalla CONSOB volte all’accertamento di comportamenti di insider trading. Tale pronuncia rappresenta, assieme all’ordinanza n. 182 del 2020, un nuovo spunto di riflessione sulle conseguenze sistemiche del c.d. “dialogo” tra Corti e della reciproca integrazione tra carte dei diritti.

Definendo il concorso di rimedi: le recenti vicende del “dialogo” tra Corti in materia di diritti fondamentali

Beatrice Sboro
2021

Abstract

Tanto si è detto in proposito dell’ordinanza di rinvio pregiudiziale ex art. 267 TFUE n. 117 del 2019 della Corte costituzionale. Tale ordinanza ha suscitato in dottrina l’unanime speranza di una stagione di rinnovata collaborazione tra la Corte costituzionale e la Corte di giustizia, a seguito della temuta rottura dei rapporti tra i due giudici con la sentenza n. 269 del 2017, prima tappa della “saga” sulla c.d. doppia pregiudizialità che ha visto la Corte costituzionale prendere posizione sul proprio ruolo di giudice dei diritti protetti ad un tempo sia dalla Costituzione che dalla Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea. La risposta della Corte di giustizia a detta ordinanza è giunta il 2 febbraio 2021, dimostrando una sostanziale convergenza di vedute con la Consulta rispetto al c.d. diritto al silenzio nell’ambito delle audizioni condotte dalla CONSOB volte all’accertamento di comportamenti di insider trading. Tale pronuncia rappresenta, assieme all’ordinanza n. 182 del 2020, un nuovo spunto di riflessione sulle conseguenze sistemiche del c.d. “dialogo” tra Corti e della reciproca integrazione tra carte dei diritti.
Beatrice Sboro
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/858992
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact